stay-cameriere

Servizio ai tavoli: come rovinare il proprio ristorante in poche mosse…

Mi domando: i ristoratori riusciranno mai a capire quanto un mediocre servizio può danneggiare l’immagine di un locale? A quanto pare no. A quanto pare sono davvero pochi gli “illuminati” che hanno compreso quanto un personale qualificato sia necessario per far progredire il proprio lavoro.

IMG_2256

Il vino delle Alpi – Il Blanc de Morgex di Ermes Pavese

Durante la mia ultima uscita in Valle d’Aosta non mi sono fatto sfuggire alcuni dei vini che, raramente, si ha la possibilità di trovare in enoteca o al ristorante, a causa della loro ridotta produzione ed al loro principale consumo nel territorio d’origine. Tra tutti i vini che vengono prodotti in questa splendida zona d’Italia, uno in particolare ha attirato la mia attenzione: Il Blanc de Morgex et de La Salle o, più semplicemente, Blanc de Morgex.

DSCF2323

Quando è il tempo a parlare – Prove di un non comune verdicchio

Come ho già più volte detto, il verdicchio è una delle bacche bianche che in Italia preferisco, per il suo carattere malleabile, capace, più di altri, di assorbire le caratteristiche del territorio d’origine ed esprimerle all’interno della bottiglia. Nel continuo desiderio di raccontare questo amore per il verdicchio, mi trovo ad assaggiare i vini di Gianluca Mirizzi, titolare dell’azienda Montecappone a Jesi, un’attività vinicola nata…

n

I documentari sul vino: cosa vedere…

Il freddo ti costringe a casa, vero? Il periodo del dopo vacanza è da sempre uno dei momenti più drammatici della storia umana in cui, milioni di persone, passano il proprio tempo sul divano rivestiti di coperte e trapunte a trangugiare bevande calde o, si spera, bevendo un ottimo calice di vino.

conte_vistarino2

Sabotaggio Conte Vistarino: l’Oltrepo senza pace.

L’Oltrepò Pavese non è di certo nuovo nel fare notizia; negli ultimi mesi ne abbiamo potuto leggere, approfonditamente, su carta stampata e magazine online, grazie agli scandali e alle noiose retoriche degli enti che si pongono a tutela del territorio e del suo valore. Ma ciò che è accaduto pochi giorni fa, è qualcosa che mi fa ancora più male.

Cantina_Tricerchi_2

Conservazione e cantina – Come meglio tutelare le nostre bottiglie a casa

Qual è l’unico modo che un WineLover ha per farsi trovare sempre pronto, nel caso l’attimo richieda una bottiglia di vino particolare, se non quello di avere una personale libreria di vini in cantina da poter consultare ogni volta il momento lo richieda?

dscf2161

Il conforto della serata – La Poderosa di Andi Fausto

L’Autunno ha bussato alle porte ed ha portato con se il giusto equilibrio tra la pioggia e la malinconia, quella malinconia che noi winelover sappiamo contrastare con il giusto bicchiere di vino.

Ecco che arriva la stagione fredda e, come per incanto, i nostri gusti ed interessi enoici cambiano improvvisamente: da ostriche e Champagne ad ogni genere di grassezza ed untuosità abbinate ai grandi rossi.
Per quanto mi riguarda, sono anch’io al cambio stagione e l’altra sera mi sono trovato ad un bivio;

degustazione-vini-e-cibo

L’abbinamento e le mode che tardano a svanire…

Come ben sappiamo, viviamo In un mondo in cui mode e tendenze sono passeggere come un temporale estivo, ma nonostante tutto, riescono sempre, nel bene o nel male, a far parlare di sé e di quelle ecclettiche persone artefici di un momento di notorietà. Così come in molti altri campi, anche il vino vive da tempo di tendenze dettate dal guru del momento o da professionisti del settore, capaci attraverso parole poco definibili di spostare l’attenzione su determinati vini e territori, dimenticandosi che spesso stanno realmente deviando le scelte dei degustatori di oggi e domani.

qn13rjne.vud

Tu lo conosci il Buttafuoco Storico???

Oggi ho una visita speciale in agenda, un appuntamento voluto da tempo con il consorzio del Buttafuoco Storico, una piccola gemma di qualità nel vasto Oltrepò Pavese, una vera scoperta nella scoperta.
Per me il Buttafuoco ha un valore sentimentale, un vino robusto e generoso, sempre presente nella mia cantina anche per volontà dei miei ospiti che, quando vengono a trovarmi, restano sempre affascinati da quelle belle bottiglie, un po’ impolverate, che raccontano parte della storia vinicola oltrepadana.

Olè – Dirupi

Perché Olè? Perché è il nome del vino! Prodotto in Valtellina dall’azienda Dirupi, questa cantina è stata per me un buon esempio del territorio. Dico è stata, perché questa era l’ultima bottiglia che ancora avevo in cantina ed ora dovrò pensare a come rimpiazzarle…Ah! Che fatica. Ad ogni modo di questa azienda ho già bevuto parecchio, tra superiore, riserve e sforzato(consiglio lo Sbagliato), i prodotti non mancano.